Archivi categoria: Edoardo Sanguineti

Rebus. 27

che cosa fai? (mi chiedono sovente): io non rispondo niente (qualche volta): oppure rispondo invece (qualche volta): niente: e certe volte dico: troppe cose, per dirtele: Annunci

Pubblicato in Edoardo Sanguineti | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Postkarten. 50

ho fatto passi indietro da gigante, in questi mesi: il mio cervello trema come marmellata marcia, moglie mia, figli miei:

Pubblicato in Edoardo Sanguineti | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Scartabello. 19

vengo, con la presente, a te, per chiederti formalmente di esentarmi d’urgenza dal comunicare, con te, per telefono: (io non posso battere zuccate disperate,

Pubblicato in Edoardo Sanguineti | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Scartabello. 21

mi sono riadattato agli occhiali (che la patente, a me, rende obbligati, ormai), in un paio solo di giorni: vedo tutto più netto: (ma niente mi è, per questo,

Pubblicato in Edoardo Sanguineti | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Postkarten. 24

ho insegnato ai miei figli che mio padre è stato un uomo straordinario: (potranno raccontarlo, così, a qualcuno, volendo, nel tempo): e poi, che tutti gli uomini sono straordinari: e che di un uomo sopravvivono, non so, ma dieci frasi, … Continua a leggere

Pubblicato in Edoardo Sanguineti | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Postkarten. 35

parliamo, per piacere, dei piaceri della vita, per una volta (ho detto alla moglie di Van Rossum, lunedì verso le 11) : (che è una tedesca di Monaco, proprio, sotto i 30, credo, bianca di pelle come un bianco d’uovo): … Continua a leggere

Pubblicato in Edoardo Sanguineti | Contrassegnato , , | Lascia un commento