I predatori

Questo celebre balletto elettronico è forse il più drammatico di tutta la danza moderna. Comincia con un preludio di suoni contemporanei – rumori della strada, ticchettìo di orologi, un nano che suona “Hora Staccato” con un pettine e della carta velina. Poi il sipario si alza su di un palcoscenico vuoto. Per parecchi minuti non succede niente; alla fine cala il sipario e c’è l’intervallo.

Il secondo atto comincia in silenzio mentre alcuni giovani ballano fingendo di essere insetti. Il capo è una comune mosca domestica, mentre gli altri sembrano una varietà di parassiti da giardino. Essi si muovono sinuosamente al tirmo della musica dissonante, in cerca di un immenso panino imburrato che appare a poco a poco sullo sfondo. Stanno per mangiarlo quando sono interrotti da una processione di donne che portano un grande flacone di Raid. Colti dal panico, i maschi cercano di scappare, ma vengono rinchiusi dentro gabbie metalliche, senza niente da leggere. Le donne danzano orgiasticamente attorno alle gabbie, preparandosi a divorare i maschi non appena riescono a trovare della salsa di soia. Mentre le femmine si preparano a pranzare, una giovane nota un maschio infelice, con le antenne penzoloni. Lei ne è attratta, e i due ballano lentamente al suono dei corni francesi mentre lui le sussurra in un orecchio: “Non mangiarmi”. I due s’innamorano e fanno elaborati preparativi per il volo nuziale, ma la femmina cambia idea e divora il maschio, preferendo invece trasferirsi da una sua amica.

[Woody Allen]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Allan Stewart Konigsberg [Woody Allen] e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...