Cipolla

Cebula

La cipolla è un’altra cosa.

Interiora non ne ha.
Completamente cipolla
fino alla cipollità.
Cipolluta di fuori,
cipollosa fino al cuore,
potrebbe guardarsi dentro
senza provare timore.
In noi ignoto e selve
di pelle appena coperti,
interni d’inferno,
violenta anatomia,
ma nella cipolla – cipolla,
non visceri ritorti.
Lei più e più volte nuda,
fin nel fondo e così via.
Coerente è la cipolla,
riuscita è la cipolla.
Nell’una ecco sta l’altra,
nella maggiore la minore,
nella seguente la successiva,
cioè la terza e la quarta.
Una centripeta fuga.
Un’eco in coro composta.
La cipolla, d’accordo:
il più bel ventre del mondo.
A propria lode di aureole
da sé si avvolge in tondo.
In noi – grasso, nervi, vene,
muchi e secrezioni.
E a noi resta negata
l’idiozia della perfezione.

 

[traduzione di Piero Marchesani]

Pubblicato in Poesie scelte, aforismi, stralci, Wislawa Szymborska | Lascia un commento

Les contradictions de l’acte poétique : e pur si (deve) muove(re) Suggestions autour des poèmes de Czesław Miłosz à partir du cycle de conférences « Miłosz, dialogue des cultures » (8-10 décembre 2011) Université Paris-Sorbonne

Il m’est nécessaire introduire ce petit essai avec quelques fondamentales prémisses.

En premier lieu, le sujet ; je proposerai des réflexions personnelles tirées à partir des conférences du cycle « Miłosz, dialogue des cultures » dont le focus sera la production poétiques de Czesław Miłosz. Continua a leggere

Pubblicato in en français | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Rosa Rosà, Una donna con tre anime: entre science et féminisme.

Le roman Una donna con tre anime de Rosa Rosà (pseudonyme pour Edith von Haynau), écrit en 1917 et publié en 1918 dans la revue « L’Italia futurista », est tout à fait lisible comme une des utopies littéraires de « reconstruction futuriste » de l’univers. Dans un de ses articles, « Moltitudine », apparu en « L’Italia Furutista » en 1917, Rosa Rosà décrite une typologie d’utopie urbaine assez typique du mouvement, avec des villes en perpétuelle transformation, agiles, en pérenne construction ; par contre, elle en souligne aussi les aspects les plus cruels, car elle parle d’une ville où l’on travaille tout le temps, où l’on ne mange pas, on ne dort pas, non n’aime pas. En le cas de Una donna con tre anime, la bataille avant-gardiste contre la mentalité « passatista » [réactionnaire] porte sur l’utopique construction d’une « Eve » du futur qui  incarne en soi certaines caractéristiques de la sensibilité futuriste au féminin. Continua a leggere

Pubblicato in en français | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Non possono obbligarci a dimenticare cos’è la tenerezza


Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Nessun uomo è un uomo qualunque

Nessun uomo è un uomo qualunque
la sua valigia può essere piena
di un regalo rubato in fretta
di una rosa da portare a cena
a una moglie, a una donna che aspetta
Nessun uomo è un uomo qualunque
la sua valigia può essere piena
di un pigiama portato in galera
di una giacca voltata due volte
libertà e povertà in una sera
Nessun uomo è un uomo qualunque
la sua vita può essere piena
di un dolore che gli brucia il petto
e che gli fa piegare la schiena
di un dolore che noi gli dobbiamo pagare in rispetto.
Nessun uomo è un uomo qualunque
la sua testa può essere piena
del ricordo di un sogno da dire
quei pensieri che non servono a niente
ma si baciano un po’ l’avvenire.
Nessun uomo è un uomo qualunque
la sua vita può essere piena
di un respiro che gli fotte il petto
e gli fa indolenzire la schiena
del silenzio del mondo che compie un delitto perfetto.
Nessun uomo è un uomo qualunque
il suo corpo può essere pieno
di un amore cercato da tanto
di un amore pensato di corsa
di un amore che non perde il treno.
Nessun uomo è un uomo qualunque
la sua vita può essere piena
di un amore che gli brucia il sesso
e che gli fa inarcare la schiena
di un amore che noi gli dobbiamo pagare adesso.

[Claudio Lolli]

 

Claudio Lolli – Nessun uomo é un uomo qualunque

Pubblicato in Claudio Lolli | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Donna di fiume

Credo di avere provato l’amore, almeno una volta; è stato un brivido di buio in una stanza d’affitto, è stato trovare il fondo di una morte felice e la disperata allegria di non servire a niente, e lacrime e risate e l’intenso di carezze più pure. Continua a leggere

Pubblicato in Claudio Lolli | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Campo dei Fiori

A Roma in Campo dei Fiori

ceste di olive e limoni,

spruzzi di vino per terra

e frammenti di fiori. Continua a leggere

Pubblicato in Czeslaw Milosz | Contrassegnato , , , , , , , , | 2 commenti